Lo sport come prevenzione

Anziani e decadimento cognitivo
Anziani e decadimento cognitivo
3 Luglio 2019
Anziani sempre più giovani
16 Settembre 2019

I benefici dell’attività fisica negli anziani

L’attività fisica migliora la qualità della vita prolungandone l’aspettativa in termini di buona salute e autonomia.


I benefici di un’attività fisica svolta regolarmente sono enormi, ne trae giovamento l’intero corpo e tutti i suoi sistemi; è un benessere che coinvolge tutta la persona in tutte le fasce d'età. L’attività fisica acquista però una particolare importanza nell’anziano dove diventa anche un mezzo di prevenzione ed un mezzo per mantenere un buon equilibrio di salute. La mobilizzazione completa di tutte le articolazioni ed il potenziamento della muscolatura comportano non solo un miglioramento della performance fisica, ma anche un miglioramento a livello del sistema vascolare e del sistema respiratorio.

Gli esperti raccomandano di realizzare regolare attività fisica durante la terza età, dato che i benefici sono molteplici, tra cui vivere più a lungo. Secondo i ricercatori del National Institute on Aging, l’attività fisicasa fa bene a qualsiasi età e può alleviare i sintomi di molte malattie croniche. Contrariamente alle credenze popolari, la debolezza e lo scarso equilibrio sono associati più all’inattività che all’età.


I benefici dell’attività fisica negli anziani sono numerosi

L’attività fisica consente di mantenere la capacità di rilassamento del cuore, ridurre il rischio di ipertensione e di malattie cardiovascolari, oltre alle difficoltà respiratorie. L’allentamento cardiovascolare, inoltre, libera le vie respiratorie e aiuta a combattere malattie comuni, come un semplice raffreddore o l’influenza.

L’invecchiamento è accompagnato da una riduzione graduale di massa muscolare, meglio conosciuta come sarcopenia. L’attività fisica è ottima per rallentare questa condizione e migliorare il tono muscolare.

L’attività fisica riduce il rischio di sviluppare malattie gravi e, di fatto, minimizza l’impatto negativo di alcuni sintomi che si manifestano con l’insorgere di determinate condizioni.

Infine, l’esercizio fisico è grande fonte di benessere. Tra i benefici dell’attività fisica negli anziani ricordiamo anche il miglioramento della salute mentale. Il movimento, infatti, migliora lo stato d’animo, in quanto il corpo rilascia endorfine che fanno sentire bene chi lo pratica.


Per questo motivo si consiglia alle persone anziane che lottano contro gli effetti psicologici dell’invecchiamento di praticare attività fisica, perché può essere la chiave per ritrovare l’energia necessaria. L’attività fisica, dunque, non ha solo benefici fisici per le persone anziane, ma migliora anche il benessere emotivo, l’autostima e la qualità di vita. Crea legami sociali e riduce il rischio di depressione.

I migliori esercizi per la terza età? Aerobica, resistenza, stretching e forza.

Negli ultimi anni sono stati creati programmi di allenamento fisico e di ginnastica di gruppo per la terza età che hanno suscitato molto interesse ed a cui si sono dedicate molte persone.
Per contrastare la sedentarietà bisognerebbe dedicarsi almeno due volte a settimana all’attività fisica; l’ideale sarebbe di tre volte a settimana alternando esercizi di potenziamento muscolare ed esercizi aerobici. Le persone che preferiscono fare attività fisica in autonomia, devono tener presente che è buona abitudine dedicare alcuni minuti allo stretching, come preparazione e "riscaldamento muscolare " prima di iniziare l’allenamento e come allungamento e rilassamento muscolare al suo termine.

I medici consigliano agli anziani di fare 30 minuti di esercizio di resistenza cardiorespiratoria tutti i giorni, in modo da aumentare la frequenza cardiaca e accelerare la respirazione. Camminare, andare in bicicletta o nuotare sono ottimi esempi di esercizi aerobici a basso impatto.

L’allenamento di forza sviluppa i muscoli attraverso movimenti ripetitivi. Le persone anziane possono realizzare un allenamento di forza con pesi, elastici o macchinari. Ovviamente, i pesi vanno adattati alle particolari condizioni fisiche del singolo.

Lo stretching è forse il modo migliore per terminare una sessione di attività fisica. Gli esercizi di questo tipo stimolano il rilassamento muscolare, perciò sono ottimi prima e dopo l’allenamento. Potremmo dire che se questi esercizi vengono realizzati correttamente, migliorano e mantengono la flessibilità, evitano lesioni e riducono il dolore muscolare e la rigidità negli anziani.

Ricordiamo che queste attività vanno svolte con attenzione, sotto la supervisione di un esperto, evitando di stancarsi troppo così da non scatenare effetti contrari a quelli desiderati.



Vuoi conoscere quale sede più vicina a te
offre il servizio descritto?

Condividi l'articolo nei Social
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial