Cosa si rischia ad assumere una badante in nero?

Lavoro irregolare: le sanzioni nei confronti dello Stato e la vertenza legale azionata dalla badante.

Fonte: https://www.laleggepertutti.it/467587_cosa-si-rischia-ad-assumere-una-badante-in-nero
Cosa si rischia ad assumere una badante in nero?

Lavoro irregolare: le sanzioni nei confronti dello Stato e la vertenza legale azionata dalla badante.
Quando si assume un lavoratore in nero, ossia senza regolarizzarlo, si va incontro a una serie di conseguenze di carattere amministrativo. Tuttavia, gli importi possono essere particolarmente elevati e questi si applicano sia ai casi in cui il datore di lavoro è un’azienda che a quelli in cui è una semplice persona fisica. Ecco perché, alla luce del fatto che il lavoro domestico è quello dove più spesso si verificano illeciti di tale tipo, è bene sapere cosa si rischia ad assumere una badante in nero.
Badante in nero: quando?
Come facilmente intuibile, non basta stabilire un accordo verbale con la badante, retribuendola con puntualità e cadenza mensile, per essere in regola con la legge. La lavoratrice, infatti, prestando attività periodica – anche se non giornaliera – si considera comunque una dipendente e come tale deve essere inquadrata.
In buona sostanza, il datore è tenuto a rispettare tutte quelle trafile burocratiche che si devono adottare per ogni lavoratore dipendente.

In particolare, per assumere una bandate italiana sono necessari:
• la lettera di assunzione da far firmare alla badante;
• la comunicazione di assunzione da trasmettere all’Inps
Bisogna poi verificare il pagamento dei contributi online relativamente a ogni trimestre dell’anno.
Invece, per assumere una badante straniera è necessario fare ulteriori adempimenti per i quali sarà bene rivolgersi a un Caf o a un consulente del lavoro.
Badante in nero: quali sono i rischi con lo Stato?
• Se la badante è una cittadina italiana o straniera regolare, e ha svolto attività in nero per non oltre 30 giorni, c’è una sanzione da un minimo 1.800 euro a un massimo 10.800 euro;
• per non oltre 60 giorni, la sanzione parte da un minimo di 3.600 euro e arriva ad un massimo di 21.600 euro;
• se la badante ha svolto lavoro in nero per oltre 60 giorni, la sanzione oscilla tra un minimo di 7.200 euro e un massimo di 43.200.

Badante in nero: quali sono i rischi con lo Stato e con la lavoratrice?

Badante in nero: quali sono i rischi con lo Stato?
• Se la badante è una cittadina italiana o straniera regolare, e ha svolto attività in nero per non oltre 30 giorni, c’è una sanzione da un minimo 1.800 euro a un massimo 10.800 euro;
• per non oltre 60 giorni, la sanzione parte da un minimo di 3.600 euro e arriva ad un massimo di 21.600 euro;
• se la badante ha svolto lavoro in nero per oltre 60 giorni, la sanzione oscilla tra un minimo di 7.200 euro e un massimo di 43.200.

Badante in nero: quali sono i rischi con la lavoratrice?
Non meno gravi sono i rischi che si corrono nei confronti della lavoratrice. Quest’ultima infatti potrebbe avviare una vertenza di lavoro e chiedere:
• tutti gli stipendi maturati durante il rapporto di lavoro, il cui pagamento il datore non è in grado di dimostrare con modalità tracciabili.
• le differenze retributive: ciò succede quando il datore di lavoro è in grado di dimostrare l’avvenuto pagamento delle mensilità ma queste sono di importo inferiore rispetto a quanto stabilito dal contratto collettivo nazionale. Anche in questo caso, il termine di prescrizione è di cinque anni decorrenti dalla cessazione del rapporto lavorativo;
• i contributi previdenziali: per ogni mese di retribuzione, sono dovuti anche i contributi previdenziali non versati dal datore di lavoro all’Inps;
• il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto che spetta nella misura di una mensilità di stipendio per ogni anno lavorato;
• le ferie e i permessi non goduti;
• l’indennità di preavviso per la cessazione in tronco del rapporto di lavoro.

Per far valere tali diritti, la badante può rivolgersi all’Ispettorato territoriale del lavoro, in alternativa, al tribunale ordinario, per mezzo del proprio avvocato, affinché ingiunga al datore di lavoro il pagamento di tali somme.

Conclusioni:
Come si può vedere “assumere” una badante in nero si può facilmente incorrere in pesanti sanzioni e problemi anche a distanza di qualche anno dalla fine del rapporto di lavoro.
Spesso, anche durante il periodo lavorativo della badante, la famiglia è tenuta sotto ricatto dalla badante che si rifiuta di svolgere completamente il suo lavoro, minacciando di andare dai sindacati per denunciare il lavoro svolto in nero e continuando a pretendere sempre nuovi aumenti che gli verranno puntualmente concessi per la paura di essere denunciati, ma che, quasi sempre, a fine rapporto di lavoro tale vertenza verrà comunque intentata dalla lavoratrice non regolarizzata (o anche parzialmente regolarizzata) per racimolare la propria liquidazione, assistita e incoraggiata da qualche sindacalista o avvocato che vivono di queste situazioni.

Vuoi conoscere quale sede più vicina a te offre il servizio descritto?

Siamo presenti nel Nord e nel Sud Italia con personale pronto ad ascoltare le tue esigenze e risolverle trovando la soluzione più adatta.
Cosa ti può interessare?
Le ultime curiosità
700 soggetti indagati dalla Guardia Di Finanza per somministrazione illecita
Lavoro irregolare: le sanzioni nei confronti dello Stato e la
Tre badanti su quattro fanno causa al proprio datore di
Vuoi sapere di più su Sostegno Famiglia?

Scoprirai una realtà pronta a capire le tue esigenze e competetente, sempre in continuo aggiornamento sulle nuove tecniche di assistenza al malato.

Vuoi rimanere informato?